2020 SPEEDBALL - PDK

TIMORIA

2020 SPEEDBALL - PDK 50,00€
Codice Prodotto: 39813
Punti Fedeltà: 0
Disponibilità: In Magazzino
Basato su 0 recensioni.

Basato su 0 recensioni.

Descrizione

PICUTRE DISC - ITALIA - 1995 - POLYDOR - 527 479-1 - EX / EX

LIMITED EDITION - COPY N°1047

STILL ON SHRINK

Consigliato da Raro rivista di collezionismo musicale - Recommended by Raro collectibles music magazine.
Official Fans Club c/o TARGET - Via S. Maurilio, 13 20123 Milano

2020 Speedball è il quinto album in studio della rockband italiana Timoria, pubblicato dalla PolyGram il 28 marzo del 1995. Scritto e arrangiato dal gruppo stesso, il disco è stato prodotto da Angelo Carrara e registrato nell'arco di tre mesi, tra la fine del 1994 e l'inizio dell'anno successivo, presso l'Avant Garde Studio di Milano.Il titolo dell'album si rifà alla letale combinazione di stupefacenti denominata Speedball. Nella breve traccia introduttiva vi è inoltre un riferimento all'attore River Phoenix, scomparso prematuramente in quel periodo a causa proprio di un'iniezione di Speedball.
Non si tratta di un vero e proprio concept album come lo era stato il precedente lavoro del gruppo, Viaggio senza vento, ma nonostante ciò anche 2020 SpeedBall sembra avere una precisa tematica che ruota attorno alle varie tracce che lo compongono: più precisamente, l'ambientazione è quella di un futuro prossimo (l'anno 2020, per l'appunto) in cui l'uomo deve andare alla ricerca di un nuovo mondo da colonizzare, viste le condizioni in cui è stato ridotto il proprio pianeta dallo stesso uomo (Europa 3), in cui la nuova droga è la realtà virtuale (2020, SpeedBall, Brain Machine) e vi è un sovraffollamento di falsi artisti e personaggi televisivi che si proclamano i nuovi santoni (Guru). La presenza di brani che parlano di questa "realtà" è contrapposta da un altro in cui emergono fortemente il bisogno e la ricerca dei veri valori, come l'amicizia, l'amore, la compagnia, l'umiltà e la dignità (Senza far rumore). In altre parole, l'album rappresenta una forte critica alle contraddizioni del secondo millennio e una società che va troppo veloce.Musicalmente, si tratta con molta probabilità dell'episodio più duro e diretto mai realizzato dal gruppo. Da segnalare infatti la presenza di un basso più marcato rispetto al passato, riff di chitarra elettrica più orientati al metal che al rock, e una batteria più decisa. Nella traccia Mi manca l'aria ci si avvicina addirittura a sonorità thrash metal, grazie anche al particolare cantato in stile groove del tastierista Enrico Ghedi.

A1     Intro     0:43
A2     2020     3:07
A3     Brain Machine     1:24
A4     Senza Far Rumore     4:57
A5     Speed Ball     3:34
A6     Dancin' Queen     4:21
A7     Sudamerica     2:41
A8     Weekend     2:04
A9     Duna Connection     0:40
A10     Europa 3     5:47
B1     Mi Manca L' Aria     3:34
B2     Via Padana Superiore     2:47
B3     No Money, No Love     1:49
B4     Guru     3:24
B5     Boccadoro     4:18
B6     Fare I Duri Costa Caro     1:09
B7     Fino In Fondo     3:49

Recensioni (0)

Commenti Scrivi Recensione

Scrivi una recensione

Il Tuo Nome:

La Tua Recensione: Nota: Il codice HTML non è tradotto!

Punteggio: Negativo            Positivo

Inserisci il codice nel box di seguito: